lunedì 8 giugno 2015

RUN SEMI-BAREFOOT CON CIABATTE DA PISCINA


IRONMAN 70.3 DI PESCARA della prossima domenica in forse causa lavoro e blocco degli scrutini conseguente....riunioni di oggi dalle ore 9 alle ore 19....allora cosa faccio: mi viene la scimmia e mentre torno a casa in Vespa penso ad una bella prova MATERIALI - RUN.
VIA, in spregio alla salvezza delle estremità mi infilo le ciabatte da piscina e parto per una sana corsa a piedi sul LUNGOMARE DI RIMINI.
A PRIMA 'VISTA' la sensazione non è male e, poichè mi sono cosparso i piedi di talco non sento sfregamenti fastidiosi.
Dopo i primi metri di camminata provo a correre: anche qui, niente male; le ciabatte fascianti e non a infradito, costringono ad una posizione più avanzata, il difficile è evitare che le stesse escano ad ogni passo, ma è una sensazione, non un vero problema.
Arrivo in spiaggia, il bello delle ciabatte è che se ti entra la sabbia non succede niente. Faccio stretching, poi un kilometro verso la rotonda Fellini. Chi mi vede pensa che sia matto, ma fa lo stesso. Ora un pò di sfregamento sul mio collo del piede alto si sente, ma si sopporta, arrivo a casa dopo aver superato tre allibiti 'colleghi' podisti.
Risultato: a tre ore dalla 'prova' un pò di rossore alla parte alta del piede c'è, forse sarebbe meglio un'altra marca di ciabatte più morbida. Anche qualche pizzicata al calcagno destro ma sopportabile. Un pò di affaticamento ai polpacci che dovranno rinforzarsi, ma mi pare sia stata una buona prova. 
Il BAREFOOT, piedi nudi estremo, sull'asfalto 'benzenico' non mi pare buono, quindi, bene così e via al secondo allenamento.
E...PESCARA? Causa 'agitazioni' lo diamo al 35%

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails