domenica 1 settembre 2013

VALLE DI TEVA IN BDC

PERCORSO DI OGGI
OGGI grande uscita BIKE con tutti gli amici. Ore 7:30 io e ANDRÈ partiamo dal ponte TIBERIO - RIMINI e andiamo verso il secondo PUNTO di incontro: ROMANA della MARECCHIESE.
Non trovando nessuno cominciamo a riscaldarci, sole del mattino ma non  e' proprio caldissimo. Dopo poco ci telefona FILO che aveva aspettato invano al ponte!!!
Poi ci ritroviamo alla ROMANA assieme a CAVENDISH. In 4 andiamo verso l'aeroporto dove al III punto di ritrovo ci aspetta TONY, nel frattempo incontriamo CLAUDIO, poi SIMONE e poi gli altri ragazzi...sono ormai le otto passate e dobbiamo ancora partire per località secretata che si conoscerà via via che si procede e verrà svelata da apertura busta alla presenza del notaio.
Intanto prendiamo via Montescudo, siamo una decina e più, alcuni come Silvia e Max della POLISPORTIVA COMUNALE RICCIONE TRIATHLON.
Passiamo a CORIANO a salutare il SIC, poi CROCE di MONTECOLOMBO, prima salita vera della giornata, FILO e CAVENDISH ci salutano, noi continuiamo in discesa per TAVERNA E VALLE DI TEVA, una strada in salita dietro a MONTE ALTAVELIO, tra Romagna e Marche, spettacolare non solo per la salita ma anche per il panorama:niente tralicci, niente cemento, solo natura!
La Valle di Teva in prestito dal blog di Ironfrankie che ringrazio e saluto

Discesona, poi curva secca dove ci sono in attesa un sacco di bikers, cioè bikers motorizzati, quelli delle moto da endurance. Uno di questi , simpatico afferma che non se ne può più di tutti 'sti ciclisti e si potrebbe  anche organizzarne la strage!!!
Ancora discesa tra gli alberi bellissima, poi uno strappetto in salita al 10% ma molto breve.
Ci ritroviano sulla strada provinciale per CASININA, io mi metto davanti per 10 secondi a tirare, anche parlando col simpatico SIMONE dotato di CERVELO S2,
Dicevo, dopo la tirata di 10'' parto per la circonvallazione facendo sbagliare STRADA a tutti; fortuna che me ne accorgo, allora torniamo indietro non perdendo tanto tempo. Dopo la pausa bar, dove ALESSIO si fa fuori da solo 4 fette di crostata spazzolando il buffet degli aperitivi, si va di nuovo verso il fondovalle, per PESARO dove il contakm segna 84  effettivi. Ora ci aspetta una lunga salita: LA SILIGATA.
Detta strada oltre che per le fatiche ciclistiche (strada dritta, senza tornanti dove vedi quasi tutto il muro che devi scalare) è famosa essendo un percorso romano (SILIGATA=STRADA coperta con SILICE) e costituisce l'asse finale della VIA FLAMINIA che termina proprio a RIMINI.
Nonostante le gambe un pò legnose ma non tanto, mi sembra di averla fatta bene (95° su 238 su STRAVA), poi appena c'è la discesa mi metto subito dietro a TONY-LOKOMOTIVA per risparmiare preziose energie per la ridda di rilanci necessari per superare i restanti 25km con frequenti semafori rossi nelle località balneari di GABICCE, CATTOLICA, MISANO, RICCIONE e RIMINI.
Come ho già detto simpatici gli amici della 'POLISPORTIVA', nonchè, è ovvio molto performanti, ma anche in grado di riportare a casa un gruppo di amatori come me!
Infine 116 km. in 4 ore 11' 51'' ma, contando i riscaldamenti vari il contakm della bici segna 136km. non male davvero!

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails