lunedì 26 agosto 2013

lunedì 12 agosto 2013

MTB

Valmarecchia prima di rompere il manubrio della HF1
VOLETE che vi racconti di sabato uscita che è andata tutta liscia km.77 con D+1200 con salita del Doccio al 18% 8° posto overall su strava?
NO, vi racconto di ieri, quando ho inforcato la Hold Fast 1 (era un pezzo che non lo facevo) e ho pedalato da RIMINI verso la VALMARECCHIA.
DOVEVA essere un defaticamento dall'impegno di ieri, ma arrivato a SANTARCANGELO scorgo una deviazione per frana di 500m. che mi porta sullo stradone asfaltato. Trovo un bruppo di BDC squadra ecologic team, allora con la Hold Fast 1 mi metto all'inseguimento dei 5 di cui il più scarso con una COLNAGO. Nel mentre perdo cognizione del rienttro sullo sterrato, allora lascio il gruppetto e torno sui miei passi. Sole delle 11, cocente ma con arietta fresca, si sta bene.
Vorrei fare il giro di boa e rientrare a RIMINI dalla riva sinistra del greto del fiume, quella più impervia e meno battuta.
Entro in uno stradello, poi tra i canneti cerco di salire in sella e mi trovo nel fiume, poi verso una serie di case coloniche con la strada sbarrata:è il territorio misterioso dei MUTOID, una comunità di giovani che si guadagna da vivere con le sculture fatte di ferri riciclati.
Consiglio di cliccare sulla foto per vedere un pò di interesssanti immagini.
Photo Mutoid Courtesy All Right Reserved C
Qui con la mia Vintage Custom è dura procedere: sassi giganti, buche, sentieri per vere MTB, allora dopo un bel pò di sobbalzi torno indietro, ma non riesco più a trovare la via. Dopo un bel pò di prove, scalo l'argine del fiume e ritorno sull'asfalto.
Come ritorno sulla ciclabile, alla prima discesa sento cedere le viti del manubrio che in breve mi si riduce così:
Allora procedo con i freni al contrario, i quali si piegano anche loro!
Chiedo a qualche biker un multitool con chiave a brugola del 5 perchè è la prima volta che esco senza ma nessuno ce l'ha!
Alterno bici e corsa nei punti di discesa, poi trovo un'altro biker nelle mie stesse condizioni con il cambio fuori uso!!!
Procediamo piano piano per un pò poi decido di arretrare i pesi e tenere il tutto dalla pipa!!!
Arrivo quasi a casa, non senza un breve tratto a piedi!
Bella la Valmarecchia, ma bisogna essere in ogni caso attrezzati!

domenica 4 agosto 2013

SWIM BIKE RUN - USCITA BIKE A MONTESCUDO

FOTO DI REPERTORIO


ORE 7:00 antimeridiane di domenica 4 agosto, temperatura 28° centigradi, sole. Siamo in sei per partire dal Ponte di Tiberio, Rimini per località secretata che verrà svelata solo a metà del tragitto con busta chiusa da aprire con notaio e garante della privacy.
RAUL si lamenta per l'ora, ma è bello partire presto, non c'è anima viva, e te credo!
Speriamo che con le suggestioni Romane della Legio XIII Gemina si possa portare a casa questa battaglia. Io sono fermo causa bronchite da 20 giorni e l'antibiotico non è che migliori molto le prestazioni. Come al solito ANDRÈ impone dal km.0 un ritmo indiavolato ai 32 km/h facendo il vuoto dietro. FILO e CLAUDIO chiedono con raccomandata A/R e bollo ministeriale se si può rallentare un pelo.
Prime località toccate dopo essere passati sotto il FANTASMAGORICO ARCO D'AUGUSTO, ed aver salutato le sue legioni schierate, S.MARTINO MONTE L'ABATE, INCROCIO CON RICCIONE VIA VENETO. Anch'io faccio il fenomeno sgommando in pianura. Ora al km.10 arriva la salita per CORIANO, e per il saluto al grande SIMONCELLI. RAUL attacca decisamente, io cerco di stargli dietro con rapporto super-agile frullando a 135 RPM!
Passiamo molti gruppi ciclistici che vanno al CIPPO CARPEGNA quello di PANTANI con gli ultimi 2 km. al 22% (IL CARPEGNA MI BASTA). CORIANO, sono in testa quindi passo per il centro del paese e saluto il SIC. Poi rotonda SIMONCELLI e paesino di PASSANO con salitella al 5%. Altra salitella per Il castello di S.SAVINO.
Castello di San Savino

Ora arriva il tratto cronometrato su STRAVA, ma questo l'ho saputo solo a casa , per cui mi sono messo a parlare con un ciclista delle FRECCE ROSSE che mi ha raccontato delle gesta di quel ciclista 61enne di S.Clemente che ha appena concluso la RAAM (Race Across America), peccato, non ho fatto il miglior tempo ma l'80°.
CROCE, si capisce, in cima alla salita perchè l'hanno chiamato così!
ANDRÈ, non si vede, strano, mi avrebbe già aver superato, invece sono secondo CLIMBER dopo il performante RAUL.
Da dietro mi dicono che saluta ed è tornato a casa per impegni familiari...ahhhh mi pareva!
ORA INIZIA una salita tosta, doppia per i due comuni vicinissimi di MONTECOLOMBO E MONTESCUDO, praticamente l'inverso del CHALLENGE RIMINI affrontato a maggio. Io non amo molto soprattutto la seconda salita quella di MONTESCUDO, perchè da questo versante ti vedi un antiestetico muro davanti, senza tornanti e appena appena in salita ecco i dati:
SALITA MONTESCUDO:tratto cronometrato 2,3 km.
pendenza media 5.7 %
differenza elevazione 132 m.
tempo percorrenza 9:32.
Salita totale km.6
Max pendenza 500m. al 15%.

Devo dire che ho amministrato lo sforzo e ho resistito, complessivamente anche se risento purtroppo ancora di difficoltà di respirazione...speriamo bene!
I ragazzi arrivano alla spicciolata, a Montescudo, in zona
mercato li saluto, torno giù a RIMINI, LORO fanno il lunghissimo....GRANDI.....alla prossima...anch'io, armato di scudo e gladio romani!!!! 
ALEA IACTA EST!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails