martedì 1 maggio 2012

RIMINI 1 MAGGIO PROVA MUTA AL BAGNO 0

video








PREFAZIONE: dopo alcuni post dal format criptico e riflessivo sulla situazione campionato di duathlon, comprensibili solo a pochi iniziati, il Ciro decide di rompere il silenzio e gli indugi per raccontare la prova muta ORCA S2, un evento reale ed un fatto mediatico da non perdere...pronti con le birre, siete comodi in poltrona.....VIA!

ANTEFATTO: Repubblica di San Marino, Piscina Multieventi, lun 30 aprile ore 18.
'Ciao, Andrè, come dici? Prova muta domani all'alba a Rimini? Veramente sono reduce da un 3000 in piscina, sono qui con Marc e Simo, sono un po' spompo, come? (Al cellulare non si sente bene), andatura da passeggio, si O.K. ma qui piove e penso anche lì, come? E' inderogabile se vogliamo fare Numana? Vabbè, mi arrendo ultimamente te ne ho dati troppi di bidoni, domani all'alba da me!'

IL GIORNO DOPO: 1° maggio, festa dei lavoratori, ore 7:30 rimini bagno 0, pioggia temp. dell'acqua di mare in superficie 14° (o meno).








 

Piove, a tratti anche forte, ma in acqua la differenza tanto non si sente, siamo in auto, non ce la siamo sentiti di venire da casa in bike, a quest'ora poi non si vede nessuno, qualche podista, si però poco convinto, scendiamo dall'auto, ci vestiamo con la muta, dal bar a fianco sale l'incitamento di Ugo il trave reduce da una notte sui cubi, che si mette ad insidiarci e a fare il tifo per noi, noi scappiamo, siamo ora sulla riva,il contatto con l'acqua è abbastanza freddo, un po' di respirazione e si va, prime bracciate in affanno, non riesco a gestire la temperatura con l'H2O fredda che s'insinua nell'ORCA S2, anche Andrè inizia lentamente e saggiamente, puntiamo una bandierina delle nasse (bandierine per la pesca) distante 500m. dalla riva. Migliora il ritmo, io vado del solito mio passo Andrè accelera. E' una bella sensazione, ora, un po' 'riscaldato' percepisco la istanza il ritmo e l'orizzonte, bello davvero! Non c'è anima viva, e te credo, chi vuoi che sia così pazzo da fare la prova muta con il tempo brutto? Penso ai poveri vacanzieri che oggi hanno sprecato una giornata ma guadagnato una nottata, invece, a noi piace divertirsi con poco, basic direi, mare e cielo anche se plumbei, vanno benissimo. Ora provo un ritmo più sostenuto, ma ho finito giusto 9 ore fa un allena in piscina, meglio andare via regolari. Arriviamo alla boa, ora ne puntiamo un'altra, altri 500m. Meglio non fermarsi a vedere cosa c'è nella rete, in ogni caso non ho freddo e questo è cosa buona e giusta. Altri 500m. nella ragnatela di nasse, il bagnino n on c'è di sicuro oggi, nottata anche per lui nei locali della riviera, Andrè accelera, ora andiamo paralleli alla costa verso la zona del Gran Hotel, ultima boa, poi si torna a riva in diagonale, io mi faccio uno sconto proletario sui metri da percorrere andando perpendicolare alla battigia,per non schiattare con la lingua di fuori, poi, mi sono ricordato solo ora che in questa zona c'è una forte corrente contraria verso il largo (ricordi da regatante)!!! Bisogna pagaiare bene di braccia, pinneggiando coi piedi un poco. La riva non arriva mai, si vede il fondo e questo è indice di mare pulito (si spera).Finalmente arrivo anch'io, Andrè è più a sud, si mette a ridere per la mia lungaggine, allora faccio la simulazione Zona Cambio:

SIMULAZIONE ZONA CAMBIO
Correndo non a tutta per riprendersi da rincoglionimento natatorio e facendo rientrare il diaframma a ritmi da runner si mette una mano dietro la schiena e si afferra il cordino della zip – muta. Fregandosene degli euro spesi per la stessa si dà un energico strattone verso il basso (per chi ha la chiusura in alto) facendo saltare il velcro di ritenuta, ancora correndo si tolgono agilmente le maniche, poi in zona cambio si pesta la parte inferiore delle gambe-muta dopo aver abbassato il bacino-muta. I più performanti possono intanto indossare il casco per la frazione bici, mentre avranno utilizzato della vaselina o prodotti ecologici privi di benzene sulla pelle per far scorrere meglio il tutto.

SIMULAZIONE Z.C. COME È ANDATA VERAMENTE

Correndo come un ebete visto il rincoglionimento natatorio, ho tirato il cordino in alto, richiudendo il tutto, poi, grazie ai consigli di Andrè (vedi sopra) ho usato violenza sulla ORCA S2, maledicendo quella compera su internet troppo stretta per la mia taglia (ma le mute devono esserlo) e ho aperto la zip, poi mi sono fermato togliendo le maniche, poi in ipotetica zona cambio ho creato una mappazza inestricabile con le gambe-muta, dovendo poi sedermi su una panchina per districarmi senza chiamare i Vigili del Fuoco!

PROVA MUTA PER IL TRIATHLON DI NUMANA, penso di fare altre prove, in ogni caso bella uscita natatoria, un 1200 di nuoto in fantastica compagnia e con un fantasmagorico scenario, quasi un'alba nuotevole, da RIFARE!!!




4 commenti:

theyogi ha detto...

hehehe, buona idea — sta della simulazione ti ha risparmiato un bel pò d'imbarazzo.... ;)

ciro foster ha detto...

@TY: il triathlon oltre che uno sport di resistenza è uno sport tecnico, quindi...meglio provare prima!!! XD

Tosto ha detto...

complimenti la tutina è uno spettacolo!
eh he he ci sarà da divertirsi a vedervi in zona cambio :)

ciro foster ha detto...

@Tosto: il 13 triathlon olimpico Numana è vicino, segnati qs data!!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails