lunedì 28 maggio 2012

ZOOT 3.0 RACE

Svendo al costo, scarpa ZOOT 3.0 RACE num.44EU causa errore nel numero (per me troppo piccola!) tecnologia barefoot per calzata a piede nudo. Contattatemi!

domenica 20 maggio 2012

9 COLLI 2012

Stamattina alle 4 mi sveglio per andare alla 9 colli di ciclismo a Cesenatico: in casa tutto balla e i lampadari oscillano. Io e mia moglie siamo allarmati, guardiamo sul web e c'è la conferma di un forte sisma con epicentro il triangolo tra Bologna Ferrara e Mantova, una bella paura! Inoltre , successivamente sento dei fatti di Brindisi, per cui il gaudio di una imminente giornata di sport ciclistico se ne va e affiorano le preoccupazioni: come siamo messi?
Veniamo alla cronaca sportiva,ugualmente:
Incitato il sabato scorso da Andrè, che già pronostica la mia disfatta sui crinali tosco romagnoli, non partecipante al contemporaneo triathlon di Gabicce, parto alle 5:22 per Cesenatico. Mi devo fermare, l'auto ha qualcosa che non va, la zona cambio, cioè la griglia gialla chiude alle sei e devo fare 15 km.Accelero e forse mi prendo l'autovelox, iniziamo bene! Sono in griglia con bici annessa alle 6:00 con un quarto d'ora d'anticipo grazie alle partenze scaglionate.
Sono determinato a fare i primi 30km di pianura 'coperto' e ad un passo non troppo allegro, infatti sfrutto un 'trenino' Lampre, cioè volevo dire Amatori ciclisti di Cerveteri e arrivo al primo colle:Polenta.
l.salita km.8/ disl.m.227/pend.med.3.06/pend.max.13%
 Andiamo su regolari, ritmo basso ma, appunto costante la strada è piena dico piena di ciclisti, veramente gomito a gomito:tedeschi,Napoletani,americani,una squadra del Cile....
Secondo colle Pieve di Rivoschio
l.salita km.8/ disl.m.307/pend.med.4.74/pend.max.9%
Non male neanche questo secondo colle, si potrebbe sprintare ma è meglio conservare la gamba.Ho saltato il ristoro acqua a Piandispino, ho ancora lquidi nelle borracce, ma ora faccio incetta al mega ristoro di Rivoschio:panini,crostate,cotognate, barrette,merendine, almeno 20 metri di ...banco alimentare, altrettanto per i liquidi, anche se si è rotto il camion botte dell'acqua e si prendono 'solo' sali o cocacola.
Sto il necessario anche per una pausa pipì poi riparto per le discese a esse mentre comincia a piovigginare.
Terzo colle:il Ciola
 l.salita km.6/ disl.m.313/pend.med.5.52/pend.max.11%
Da non sottovalutare perchè viene dopo gli altri due e la sua lunghezza può essere fraintesa, infatti sembra non finire mai.
Arrivato in vetta, ancora con un bel gruppo di corridori, c'è la discesa tecnica per Mercato Saraceno, circa 8 km. tecnica e veloce, la imposto bene, nonostante l'asfalto rifatto, ma in alcuni punti deteriorato, arrivo a Mercato senza mal di schiena, è una gran cosa, decido di non fermarmi alla fontanella prima del ponticello e di iniziare la cronoscalata al Barbotto.
Quarto colle : Barbotto, sua maestà.
 l.salita km.5.5/ disl.m.372/pend.med.6.91/pend.max.18%
Il Barbotto non è difficile in sè, ma è difficile anche visto la gran gente che va su e che può crollarti addosso, oppure altri che spingono gli amici proprio ad un palmo da te che sei allo stremo delle forze, fuorisella come mi è capitato nelle battute finali della cronoscalata.Importante è non ingolosirsi nelle prime rampe con ritmi troppo elevati per poi doverla pagare nel finale.
Appena alla prima curva un ciclista cade col fianco su un paracarro di cemento, andiamo bene!
Io vado su piano, però la gamba è buona il fiato anche, ad un certo punto dopo i terreni con i ciliegi si comincia a sentire il tifo che c'è in cima nello stadio del ciclismo, veramente indescrivibile con tanto di speaker a sparar giù cazzate!
Non mi faccio distrarre e vado su determinato, l'ultimo km è veramente duro, però, tanto per non crollare giù decido di farlo col 23! Arrivo in vetta lo speaker in onore di un ciclista dice triathlon austria, io gli dico guarda qui TRIATHLON RIMINI!
Alla fine della cronoscalata (tempo 23', migliore di 3' rispetto all'anno scorso) ci sono i mangiaebevi del Barbotto, insidiosi veramente.
metto mano alle derrate prese prima, panino, cotognata, non mi fermo, lo faccio solo a Sogliano dove c'è il bivio percorso corto e lungo (km.205), non ho esitazioni, faccio il corto (km.130) 'veloce'.
Mi fermo per fare acqua, poi riprendo, non senza qualche problema sui saliscendi, poi discese (km/h 60 in una di queste!),poi tutta pianura con un trenone che mi porta al cavalcavia dell'ultimo km.arrivo con il tempo di 5ore16' che mi sembra molto buono.Senza i festeggiamenti al Barbotto e i magici ristori diciamo avrei potuto togliere 30'.

fila al pasta party
pasta party
Poi la festa del pasta party:

i primi percorso lungo
colonia AGIP
BICI PARCO CHIUSO
FILA PER LA BIRRA
NOVE COLLI DI CICLISMO CESENATICO - PANTANI, non sai se è meglio il percorso o il pasta party! Arrivederci all'edizione 2012! domenica 19 maggio.

venerdì 18 maggio 2012

DOMENICA LA NOVE COLLI

Domenica LA NOVE COLLI, OGGI, invece allena -bike per andare a vedere l'expo nove colli. Sembrava che il meteo non fosse quello giusto, pensate, mi sono coperto con intimo tecnico maniche lunghe + giubbino Campagnolo, praticamente lo stesso che metto l'inverno con 3 gradi!Andata blanda ai 28 di media, arrivo in viale Carducci a Cesenatico e mi trovo di fronte a ogni bendiddio ciclistico LEGGI QUI

venendo dal lato Rimini incontro gli stand di Ridley, con novità non proprio nuove (fast) e una ibrida TT, poi Specialized Con la Mc Laren con soluzioni freni progettate dal team di F1, veramente singolari, In P.zza A.Costa, primeggia il mega-stand Pinarello con tutte le versioni dalla FP4 alla Dogma, tuuutte, dico tuuutte con Shimano D2, ma come non si usa più il cambio meccanico?
Nel frattempo si discute in tedesco e in americano, è difficile sentire l'idioma italiano...in fondo siamo, lo si capisce, alla prima giornata di un evento Ciclistico di rilevanza internazionale, direi, visto la partecipazione, anzi l'EVENTO di rilevanza nel mondo delle GRANFONDO. Cesenatico è una città ideale per queste cose, come arrivi nella cittadina romagnola senti quel rispetto verso il mezzo-BIKE che non c'è neanche nelle altre parti della Romagna. L'organizzazione è impeccabile e super-ospitale anche se quest'anno è stato introdotto il braccialetto per calmierare gli imbucati LEGGI QUI

BELLI gli stand del centro piazza, addirittura con modelle e Console DJ!!!

Stavo cercando di trovare soluzioni innovative per una bici da crono, da comprare, nell'immaginario (visto i prezzi sparati qui), facendo un mix di cose viste, le più gettonate sono:
-) freni posteriori alloggiati sotto il tubo verticale, in snodo coi forcellini (attenti al fango,ma è da crono)
-)freni anteriori dietro i foderi della forcella o integrati (vedi fast)
-)bellissimi i carbo manubri aerobars, veramente di tutti i tipi (poco comodi ma molto performanti, il triatleta deve soffrire)
-)attacco manubrio carenato (figo tranne che per la manutenzione)
-) non parliamo delle ruote, le solite ZIPP in testa, anche se ricordo che la ruota alta non fa il telaio.

In definitiva, telai scatolati e spigolosi, per ottimizzare pesi e aerodinamica anche se non ho visto lo stand Cervélo.
Nel complesso veramente TANTA TANTA ROBA!Ho scattato anche alcune foto, ma le devo scaricare dal cell.n° 2 poi le posto.

Ritorno pimpante controvento, cesenatico - Rimini min.29' alla media dei 31 km/h!!

lunedì 14 maggio 2012

TRIATHLON OLIMPICO DI NUMANA FOTO

I PREPARATIVI IN Z.C.

LA MITICA PINA
 
IMMAGINE SUGGESTIVA













QUANDO SI GAREGGIA È DIFFICILE FOTOGRAFARE, MI STO ATTREZZANDO, PER INTANTO CHI SA DOVE CI SONO UN PÒ DI FOTO DELLA GARA DI NUMANA?

domenica 13 maggio 2012

TRIATHLON OLIMPICO DI NUMANA

DISCRETA trasferta a NUMANA per un triathlon olimpico SWIM 1500M-BIKE-40KM-RUN10KM trasformato, dato il fortissimo vento, in DUATHLON run 6.6km-bike 40KM-run 5KM.
Ho tenuto fino al 3° giro bike col gruppone, poi  i crampi  mi hanno fatto desistere e ho dovuto fare 10 km. controvento in prolunga da solo. Nonostante questo e soprattutto nonostante I crampi dato il cambiamento di programma, sono arrivato ottavo di categoria, è la 1° volta che mi capita!
Grandissimi gli altri TOP-ALFIERI del T.D. RIMINI: Toni 5° assoluto Alfred 1°e Marco 2° di categoria, più altri piazzamenti onorevoli degli altri, visto il meteo ventoso, ma fortunatamente non piovoso. Classifica OVERALL vinta da Alberto Casadei FIAMME ORO!


giovedì 10 maggio 2012

TRE TRI TRAINING


ECCO TRE PRO E I LORO GIORNI TIPO:

Michelle Jones AUS
Ore 7:00 4 k swim 60' (!)
ore 8:30 90k bike 2h 30'
ore 15:00 10k 40'

Jean Frodeno GER
ore 6:30 swim 5,7k (!!)
ore 10:30 10k run
ore 15:30 2h.bike
ore 18 2x2k ripetute in salita
ore 19:30 20x400 in pista

TOTALE Run 22k bike 60k swim 5,7k

Tim Don GBR
Day 1
ore 7:40 Run1 lavori
ore 11 Run2 6x1,6k
ore 17 Run 3 16k

Day 2
ore 6:00 Swim 6 k
ore 10:30 bike 75 k
ore 14:30 Tapis roulant
ore 17:30 massaggi

TOTALE DAY1 RUN 30K DAY 2 SW6K BIKE 75K TAPIS

L'Autraliana può essere un riferimento per il piccolo volume di allenamento tranne che per i 4k swim (sul serio?), mentre più sensato a mio avviso è suddividere in due giorni distinti RUN e sw/bike, come fa Don.Frodeno si sovraccarica come tempi in un unico giorno e alla lunga questo può logorare.Si fa presente che tutti gli allena presentati sono per DISTANZA OLIMPICA!!!

sabato 5 maggio 2012

ANDRÈ - MC GYVER


OGGI in programma un bel GIROBIKE sulle colline Rimini-Sammarinesi:
Rimini- lago Faetano- Fabbriche- salita 10 km. Media 9% - BorgoMaggiore RSM-Valle Altavelio-Mercatino- salita km.6 media 8%-Croce-San Savino – Rimini per un totale di km. 100.
Appuntamento ore 7:00 ponte Tiberio con Andrè. Sole, aria piuttosto freschina, ci mettiamo a tirare a turno (10% io il resto Andrè) fino a Pian della Pieve, Lago Faetano, ora a pochi metri ci aspetta la salita, la strada è fortemente dissestata, si prendono (coi telai rigidi che abbiamo) delle belle botte, ad un certo punto un suono come di corda di chitarra che si spezza: Andrè Ha ROTTO un raggio della ruota posteriore.
Di farci i rimanenti 75 km. Con salite in queste condizioni non sene parla, tutto deserto, sono le 8, ci conviene girare le bici e tornare sulla strada pianeggiante a casa, la ruota di Andrè, è , ovviamente scentrata, lo vedo da dietro, mentre pedala piano ai 20-25 km ....
Provo a dirglielo, vedo che sta pensando e non risponde, poi inchioda ai margini della strada e si mette a cercare il COLTELLINO SVIZZERO alla MC GYVER, e mi dice che calcolando la parallasse di scentratura dovuta alla carente tensione, [proprio nel punto dove manca il raggio, che guarda caso era proprio quello speciale di equilibratura, inoltre, considerando il terminale del nipplo, che si muove dentro al cerchio, però, - continua- quest'ultimo è ininfluente perchè 'gira' in una gola interna come da documentazione tecnica], è necessario allentare i raggi antagonisti.
Smontato l'attrezzo tedesco multi-tool che– fa -ancheilcaffè- si mette ad allentare e ….in poche mosse risolve il tutto. Ora la ruota è meglio di prima, però ritorniamo, tirando in leggera discesa ( 15% io il resto lui) fino ai 46km/h!!!

Grande Andrè – Mc Gyver,quel GRAN GENIO DEL MIO AMICO LUI SA SEMPRE COME FARE!!!

martedì 1 maggio 2012

RIMINI 1 MAGGIO PROVA MUTA AL BAGNO 0









PREFAZIONE: dopo alcuni post dal format criptico e riflessivo sulla situazione campionato di duathlon, comprensibili solo a pochi iniziati, il Ciro decide di rompere il silenzio e gli indugi per raccontare la prova muta ORCA S2, un evento reale ed un fatto mediatico da non perdere...pronti con le birre, siete comodi in poltrona.....VIA!

ANTEFATTO: Repubblica di San Marino, Piscina Multieventi, lun 30 aprile ore 18.
'Ciao, Andrè, come dici? Prova muta domani all'alba a Rimini? Veramente sono reduce da un 3000 in piscina, sono qui con Marc e Simo, sono un po' spompo, come? (Al cellulare non si sente bene), andatura da passeggio, si O.K. ma qui piove e penso anche lì, come? E' inderogabile se vogliamo fare Numana? Vabbè, mi arrendo ultimamente te ne ho dati troppi di bidoni, domani all'alba da me!'

IL GIORNO DOPO: 1° maggio, festa dei lavoratori, ore 7:30 rimini bagno 0, pioggia temp. dell'acqua di mare in superficie 14° (o meno).








 

Piove, a tratti anche forte, ma in acqua la differenza tanto non si sente, siamo in auto, non ce la siamo sentiti di venire da casa in bike, a quest'ora poi non si vede nessuno, qualche podista, si però poco convinto, scendiamo dall'auto, ci vestiamo con la muta, dal bar a fianco sale l'incitamento di Ugo il trave reduce da una notte sui cubi, che si mette ad insidiarci e a fare il tifo per noi, noi scappiamo, siamo ora sulla riva,il contatto con l'acqua è abbastanza freddo, un po' di respirazione e si va, prime bracciate in affanno, non riesco a gestire la temperatura con l'H2O fredda che s'insinua nell'ORCA S2, anche Andrè inizia lentamente e saggiamente, puntiamo una bandierina delle nasse (bandierine per la pesca) distante 500m. dalla riva. Migliora il ritmo, io vado del solito mio passo Andrè accelera. E' una bella sensazione, ora, un po' 'riscaldato' percepisco la istanza il ritmo e l'orizzonte, bello davvero! Non c'è anima viva, e te credo, chi vuoi che sia così pazzo da fare la prova muta con il tempo brutto? Penso ai poveri vacanzieri che oggi hanno sprecato una giornata ma guadagnato una nottata, invece, a noi piace divertirsi con poco, basic direi, mare e cielo anche se plumbei, vanno benissimo. Ora provo un ritmo più sostenuto, ma ho finito giusto 9 ore fa un allena in piscina, meglio andare via regolari. Arriviamo alla boa, ora ne puntiamo un'altra, altri 500m. Meglio non fermarsi a vedere cosa c'è nella rete, in ogni caso non ho freddo e questo è cosa buona e giusta. Altri 500m. nella ragnatela di nasse, il bagnino n on c'è di sicuro oggi, nottata anche per lui nei locali della riviera, Andrè accelera, ora andiamo paralleli alla costa verso la zona del Gran Hotel, ultima boa, poi si torna a riva in diagonale, io mi faccio uno sconto proletario sui metri da percorrere andando perpendicolare alla battigia,per non schiattare con la lingua di fuori, poi, mi sono ricordato solo ora che in questa zona c'è una forte corrente contraria verso il largo (ricordi da regatante)!!! Bisogna pagaiare bene di braccia, pinneggiando coi piedi un poco. La riva non arriva mai, si vede il fondo e questo è indice di mare pulito (si spera).Finalmente arrivo anch'io, Andrè è più a sud, si mette a ridere per la mia lungaggine, allora faccio la simulazione Zona Cambio:

SIMULAZIONE ZONA CAMBIO
Correndo non a tutta per riprendersi da rincoglionimento natatorio e facendo rientrare il diaframma a ritmi da runner si mette una mano dietro la schiena e si afferra il cordino della zip – muta. Fregandosene degli euro spesi per la stessa si dà un energico strattone verso il basso (per chi ha la chiusura in alto) facendo saltare il velcro di ritenuta, ancora correndo si tolgono agilmente le maniche, poi in zona cambio si pesta la parte inferiore delle gambe-muta dopo aver abbassato il bacino-muta. I più performanti possono intanto indossare il casco per la frazione bici, mentre avranno utilizzato della vaselina o prodotti ecologici privi di benzene sulla pelle per far scorrere meglio il tutto.

SIMULAZIONE Z.C. COME È ANDATA VERAMENTE

Correndo come un ebete visto il rincoglionimento natatorio, ho tirato il cordino in alto, richiudendo il tutto, poi, grazie ai consigli di Andrè (vedi sopra) ho usato violenza sulla ORCA S2, maledicendo quella compera su internet troppo stretta per la mia taglia (ma le mute devono esserlo) e ho aperto la zip, poi mi sono fermato togliendo le maniche, poi in ipotetica zona cambio ho creato una mappazza inestricabile con le gambe-muta, dovendo poi sedermi su una panchina per districarmi senza chiamare i Vigili del Fuoco!

PROVA MUTA PER IL TRIATHLON DI NUMANA, penso di fare altre prove, in ogni caso bella uscita natatoria, un 1200 di nuoto in fantastica compagnia e con un fantasmagorico scenario, quasi un'alba nuotevole, da RIFARE!!!




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails