domenica 2 ottobre 2011

RIMINI TRIATHLON FEST

RIMINI THRIATHLON FEST ovvero CAMPIONATI ITALIANI TRIATHLON SPRINT.
La frazione nuoto femminile
Questo w.e. si sono tenuti i campionati italiani di triarhlon a Rimini nelle tre gare di: 
01/10 INDIVIDUALI ASSOLUTI TRI SPRINT,
02/10STAFFETTA ELITE e TEAM TIME TRIAL . LA DIFFERENZA DEI SECONDI DUE È CHE LA STAFFETTA OGNUNO degli staffettisti compie da solo il proprio percorso nell'altra una squadra di tre o più atleti compie ASSIEME il percorso.
La distanza sprint è: 750m. nuoto/20 bike/5 run.
La gara Individuale è stata vinta da SECCHIERO ANDREA g.s. FF.OO.
Gli atleti totali di questa gara, tra cui io sono stati 633 (gli arrivati), io sono arrivato 533° ma sono contento perchè finalmente ho condotto una gara con determinazione e in progressione migliorando nella bike e soprattutto nella corsa.Il nuoto, una batteria con circa 200 persone che partono assieme dalla spiaggia è davvero spettacolare.esserci dentro è emozionante e un pò una sfida alla ricerca di un cmq libero di acqua dove non prenderle di santa ragione. Il mare è leggermente agitato, mucillaginoso, ma non ci si fa davvero caso,la lunghezza, con tutta quell'onda che ti sposta sale da 750m. a 1100m. calcolati col forerunner 310.Le boe una volta raggiunte vanno lasciate lì, guardando in controluce nella massa di braccia mulinanti dov'è l'arco di arrivo-nuoto.Poi si percorre la passerella e si arriva nella rotonda GRAND HOTEL per la T1 (transizione nuoto/bike).me la cavo benino, in T1 senza fare i soliti errori da principiante, mi vanno anche al 1° colpo le scarpe da bici che avevo già predisposto.
Inizio bike femminile
Purtroppo mi vengono subito dei crampi ai quadricipiti, forse per gli allenamenti intensivi run oppure perchè l'ultimo pezzo in acqua avevo praticamente camminato.Il secondo dei tre giri va meglio con due Faenza tri e un Mistral che mi aiutano a tirare sui 38km/h.Ci diamo i cambi regolari e al secondo giro notiamo una caduta, ci diranno poi con rottura della clavicola.Si continua, io tirpo per qualche decina di secondi, i faenza un pò di più arriviamo in T2 (seconda transizione bike/run), mi viene anche la discesa al volo, bene , scarpe cappellino e via per il run.Correre dopo la bike fa venire dolori lancinanti ai polpacci, ma bisogna respirare profondamente e prendere un ritmo
Il record di bici in z.c. nella giornata del ttt
almeno decente. Alcuni atleti li supero, altri non riesco a raggiungerli, anche qui sono tre giri fino alla punta del porto e ritorno, mi incitano fortemente CHEF e STE che ringrazio per l'adrenalina in più e per credere ancora in me come atleta dopo tutte le vicissitudini, taglio il traguardo in 1:22, finalmente tutto è andato come doveva, non c'è stato il tempone ma un'onorevole comportamento in gara consapevole che è il Camp.Italiano. Mica storie!da un calcolo fatto risulta che ogni minuto limato si risalgono circa 20 posizioni, quindi al lavoro e alle prossime gare.Domani resoconto altre batterie.

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails