sabato 20 novembre 2010

MI SONO DIVERTITO!

PARTE CENTRALE DEL LAVORO DI OGGI TRA PARCO E AREE URBANE
OGGI programma così costituito:
ore 8:00 incontro con Paolo e Stefano al Bagno 0 per dire che non ero ancora sparito del tutto, loro fanno l'allenamento serio sul pavè del lungomare, io tento di salvarmi la caviglia sul morbido.
ore 10:00 Allenamento sulla ciclabile del Marecchia direzione centro di Rimini.
Prima per i saluti il tempo era clemente, ora piove, bene così testo il giubbottino appena comprato da Decathlon, in fondo non è pioggia 'seria' quindi va bene così. Inizio piano, guardo il Garmin e scopro che si è spento causa batteria...
Passo il ponte dello Scout, l'argine del torrente Ausa, sono da solo...no, vedo uno che viene in direzione contraria, incappucciato, col cane al seguito...è Tiziano, ciao ciao, lui continua in direzione opposta...
Passo l'incrocio stradale, via Covignano e mi ritrovo nell'URBAN TRAIL: davanti a me severi blocchi di edifici PEEP, asili, centri commerciali, sono tutte stradine nel verde, poi all'improvviso vedi un palazzo di 30 piani!
Svolta qui e svolta là, attraverso la strada sul ponte dell'edifico commerciale euterpe, costruito a cavallo della strada, supero le transenne del cinema in disuso (noto purtroppo segni di vandalismo, vetri rotti....) passo per un pezzettino nel parco della cava, la caviglia risponde benissimo, anzi non si sente, solo nel passaggio dal minuto al passo ai 2km. di corsa devo 'ballonzolare' per entrare con una corsa un pò rotonda.
Via Monte Titano, un tempo sede della smisurata FORNACE FABBRI ora ci sono casette piccole segno che si entra in centro storico.
Piove un pò più forte, richiudo l'impermeabilino che sta facendo ilsuo dovere, sotto ho due strati, il base layer Equarea che ti toglie l'umidità dalla pelle  e non ti fa sentire freddo, poi la maglia maniche lunghe Mizuno (in gara la metterei solo con 4/5 °, qui invece ce ne sono almeno 10°).
Svicolo dal caos del sabato ributtandomi nel parco marecchia e concludo in un'ora circa (non ho cronometro, forse per la MARA sarebbe meglio portarlo in caso di defaillance DEL garmin) per 8.7 km. (come ho calcolato adesso su google pedometer): MI SONO DIVERTITO, la pioggia non ha scocciato più di tanto, forse positivo anche non guardare sempre la strumentazione, bene, mi azzardo a dire benissimo per la ripresa dall'infortunio!!

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails