domenica 25 luglio 2010

incontro AI FINISHER DELLA 100 KM. EXTREME

Non so chi abbia vinto, poi ora sono veramente stordito da questo 'virus' estivo, ma E' D'OBBLIGO un primo post SULLA 100KM. RIMINI EXTREME.
Parto alle 6:30 PARCO MARECCHIA - RIMINI in direzione della ciclabile , passo più che comodo, tempo soleggiato e fresco, l'ideale per correre. Non so se la pensano così i circa 200 podisti/estremi della 100 km. che sono partiti ieri notte alle 10:00 per correre le rampe verso MONTESCUDO-MONTECERIGNONE-VILLAGRANDE-PUGLIANO  e ridiscendere verso VERUCCHIO-PONTE VERUCCHIO E RIMINI PER UN D+ DI 2690 MT!
Altri runners approfittano della bella giornata così mi metto a parlare e arrivo a S.GIUSTINA; salutati gli altri che rientrano a Rimini, arrivo ad uno dei ristori sito vicino al tiro a volo, altre 4 chiacchiere con i volontari dell'organizzazione e mi incammino per S.Ermete. Intanto i primi sono già transitati, sono molti, 31, per la precisione, ognuno con qualche caratteristica particolare. E' ovvio, sono i primi, i più forti, ma ognuno di questi corridori estremi ha una sua peculiarità di atteggiamento o nel vestiario: una pila per la visione notturna, i booster, cappellino da deserto ecc. ecc.Li ho incitati tutti e quasi tutti hanno risposto al saluto! BELLA FRESCHEZZA!
A questo punto la prima fitta addominale: sono a 9 km. da Rimini, spero che non sia niente e proseguo. A circa 10km. torno indietro e raggiungo un corridore romano già seguito da un amico. Al ristoro di prima incontro il n.419 che, dissetatosi, riprende la corsa a circa 6.30/km.di passo.
Io mi affianco ma sento ancora la pancia in subbuglio: ho la borraccia, con l'acqua dell'acquedotto di Rn, non quella dell'organizzazione, però non penso sia quella,  già ieri mi sentivo strano, comunque, in 2 si prosegue.
Il corridore, dall'aspetto di un ringiovanito marco Olmo, mi dice che si è iscritto proprio all'ultimo e vuole arrivare in 10:50. Sono le 8:10, deve percorrere ancora 7,5 km. quindi ce la può fare, vedo che ha una bella brillantezza di gambe dopo 92,5 km. per di più percorsi di notte e in salita, così arriviamo al cavalcavia dell'autostrada senza accorgercene.
Penso che la motivazione 'di testa' sia molto importante per queste gare, poi l'allenamento, è ovvio ci dev'essere a profusione, visto la distanza e per non appendere 'i piedi al chiodo'.
Cavalcavia della statale, siamo a -5km., grande! continuo ad incitare il corridore, che del suo viaggia ancora spedito, guado del fiume Marecchia: io sono arrivato, gli faccio in bocca al lupo per gli ultimi 3 km. e lo saluto.
Ecco, è stata una bella idea allenarsi con questi tipi qui, un pò come entrare in gara. Il corridore mi ha ringraziato di averlo accompagnato, anche se per la superiorità a volte mi è sembrato il contrario!!!
TOT. 18.3 km. in 2h 10' . PASSO MEDIO 7.29/KM. KCAL 1319

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails